ALESSANDRIA

IMG 6141 133x200

Le prime presenze di ebrei in Alessandria risalgono alla fine del XV secolo, quando la città faceva parte del Ducato di Milano.
Nel XVI secolo la comunità ebraica riuscì ad impedire non solo la creazione del ghetto ma a garantirsi la permanenza in Alessandria, nonostante la cacciata generale degli ebrei nel 1597 dal Ducato di Milano, all’epoca sotto il dominio spagnolo. Agli inizi del 1600 nel panorama cittadino, gli ebrei alessandrini si dedicano al commercio e all’industria, raggiungendo posizioni ragguardevoli.
Il ghetto fu istituito nel 1724 nell’area in cui gli ebrei si erano stabiliti tra la fine del XV ed il XVI secolo, di qui il nome Contrada degli Ebrei dato a questa zona.
Nel 1835, durante un matrimonio, crollò il pavimento del tempio: morirono 42 persone, molte delle quali non ebree, a testimonianza della forte integrazione tra le due entità.
L’area subì modifiche nel XIX secolo, ma in alcuni cortili di case sono ancora visibili i lunghi balconi, le altane e i ballatoi del periodo del ghetto.
Le due Sinagoghe:
Il tempio grande, costruito in stile eclettico, viene inaugurato nel 1871, dopo l’emancipazione, ma una precedente sinagoga sorgeva entro il perimetro del ghetto. Sulla fastosa facciata esterna, spiccano le Tavole della Legge, salendo le scale si entra nella Sinagoga a pianta rettangolare, volutamente imponente, con motivi neogotici, tre ordini di finestre e vetri policromi.
 

Il matroneo è su due piani, i loggiati, sui lati brevi della sala, sono ad archi. A fianco dell’Aron (l’armadio sacro che contiene i rotoli della Torà) si trova la Cantoria.
Nel 1944 la Sinagoga è stata danneggiata e saccheggiata; durante i successivi restauri gli arredi distrutti sono stati sostituiti con altri provenienti dalla Sinagoga di Nizza Monferrato.
 
Entrando nell’edificio si trova sulla destra una seconda Sinagoga, il tempietto invernale: un piccolo gioiello di arte ebraica piemontese restaurato di recente.
L’aula scolastica: al secondo piano è rimasta intatta una semplice stanza in cui si insegnava la Torà.
 

 

Segreteria e Tempio: via Milano, 7 - 15121

Cimitero:  viale Michel